Bielorussia: anarchici nella rivolta contro la dittatura

:

Un’intervista

Categories:
Localizations:

A partire dalla notte di domenica 9 agosto, in risposta a un’elezione in larga parte considerata truccata, in Bielorussia è scoppiato un massiccio movimento di protesta contro Aleksandr Lukashenko, il dittatore che governa il Paese da oltre un quarto di secolo. La Polizia ha arrestato migliaia di persone, sparando e uccidendo alcuni manifestanti. A quanto pare, da domenica a martedì, il Governo di Lukashenko ha bloccato il Web e i telefoni fissi nella speranza di smorzare le proteste, sostenendo che l’oscuramento era stato opera di forze al di fuori della Bielorussia. Prima di fuggire in Lituania, la candidata dell’opposizione bielorussa Svetlana Tikhanouskaya è stata arrestata e apparentemente costretta a leggere un copione , dichiarando che Lukashenko aveva vinto le elezioni e esortando le persone a “obbedire alla Legge” e a stare lontane dalle proteste di piazza. Nonostante ciò, le proteste continuano. In un contesto in cui lo Stato ha represso ogni forma di opposizione politica, gli anarchici sono tra i pochi gruppi organizzati ancora in grado di partecipare alle manifestazioni di piazza. Per capire gli eventi che si stanno svolgendo, abbiamo intervistato numerosi anarchici bielorussi .


Non è la prima volta che abbiamo occasione di corrispondere con degli anarchici bielorussi. Nel 2017, presero parte in prima linea a una serie di proteste contro una legge che obbligava i disoccupati a pagare una speciale imposta aggiuntiva al Governo. Sebbene alcuni descrivano la Bielorussia come l’ultima frontiera della resistenza socialista dell’era sovietica, la classe dominante è impegnata nello stesso processo di accumulo di ricchezza e repressione del dissenso che vediamo negli Stati Uniti, nell’Unione Europea, in Cina e altrove. Per noi, il movimento di protesta in Bielorussia non è una reazione a un regime “retrogrado” che può essere risolto semplicemente con l’introduzione della democrazia ma piuttosto come un altro focolaio, insieme a Portland e Belgrado , in una lotta mondiale contro le conseguenze del capitalismo e dell’autoritarismo. Per forza di cose, la nuova ondata di protesta in Bielorussia è decentralizzata e in gran parte senza leader, aderendo a tattiche anarchiche se non a princìpi. Temiamo che, anche nella migliore delle ipotesi, quest’attuale orizzontalità non garantisca un risultato positivo. Movimenti di resistenza largamente orizzontali sono stati ripetutamente cooptati e incanalati nel reinventare le stesse strutture statali autoritarie - inclusi quei movimenti che, tre decenni fa, portarono al collasso dell’Unione Sovietica. Dal nostro punto di vista, la cosa più importante che può avvenire in momenti turbolenti come questo è che le persone possano analizzare in modo più approfondito le strutture di potere e ciò che servirà per realizzare la vera liberazione.

[“Un gruppo di anarchici ha preso parte alle proteste di oggi, distrubuendo circa 1.000 volantini affermando che “tutte le tattiche di protesta sono importanti” e avanzando cinque richieste.”]

Per comprendere quali sono stati gli sviluppi che hanno portato questa crisi al culmine in Bielorussia, consigliamo quest’articolo di Pramen, il collettivo anarchico che abbiamo intervistato. È importante anche leggere la loro [ analisi ] del motivo per cui una democrazia elettorale più credibile non sia sufficiente per fronteggiare i problemi che i bielorussi si trovano a dover affrontare:

“Non dovremmo dimenticare che gli anarchici non solo sono contrari a queste elezioni presidenziali ma sono contrari a qualsiasi presidente in generale. Il popolo bielorusso sa da tempo che il potere corrompe tutti. Lukashenko potrebbe essere sostituito da un politico dell’opposizione, che manterrà il potere nel Paese e continuerà la repressione contro il suo stesso popolo. Dobbiamo insorgere non per avere un nuovo presidente ma per vivere senza presidenti. Il decentramento del potere dovrebbe essere un fattore chiave nella transizione dalla dittatura a una società libera.”

La sinistra autoritaria ha ricercato le macchinazioni degli attori statali occidentali in questi eventi, tentando - come altri teorici della cospirazione - di spiegarle come l’operato malvagio di una singola entità oscura onnipotente come la CIA. Eppure, la rivolta in Bielorussia non è particolarmente conveniente per nessuno degli attori geopolitici coinvolti. Sebbene questa dia a Putin l’opportunità di spingere su Lukashenko per ulteriori concessioni, potrebbe anche destabilizzare la Russia. Stabilendo una relazione più amichevole con Lukashenko, essa blocca i tentativi degli Stati Uniti di ottenere maggiore influenza nell’area. In un periodo in cui violenza statale, crisi economica e una terribile pandemia hanno screditato i Governi di tutto il mondo, minaccia di creare un precedente per una rivolta di massa che potrebbe diffondersi ovunque. Molti cronisti hanno notato che gli eventi in Bielorussia potrebbero fungere da modello per ciò che potrebbe accadere negli Stati Uniti se le elezioni del 2020 fossero messe in discussione.

In tutto il mondo, la gente è delusa dalle strutture statali e stanno prendendo piede movimenti sociali ribelli. Le correnti politiche che diventeranno influenti in questi movimenti determineranno ciò che sarà possibile nella generazione di lotte futura. Se non saranno coinvolte correnti anarchiche potenti - o se a causa di alcuni elementi reazionari cancelleremo immediatamente interi movimenti a causa della partecipazione - diventerà inevitabile che una buona fetta degli emarginati e dei disperati venga travolta da movimenti surrogati organizzati da nazionalisti, neoliberisti e altri autoritari, con conseguenze disastrose. Nel movimento dei Gilet Gialli francesi, la partecipazione degli anarchici - e il fatto che questi siano stati coinvolti e abbiano combattuto per emarginare elementi fascisti e nazionalisti che cercavano di rendere popolare il loro modello di resistenza contro il Governo centrista di Macron – è stato molto importante . Allo stesso modo, dovremmo fornire risorse e solidarietà agli anarchici coinvolti nella lotta in Bielorussia.

Non tutta l’attività rivoluzionaria è positiva. Quando i fascisti presero il sopravvento durante rivoluzione ucraina, fu importante capire come ciò fosse potuto accadere e comprendere che la vittoria della rivoluzione non rappresentava un passo verso la liberazione. Ma il futuro della rivolta in Bielorussia non è ancora scritto: potrebbe essere repressa, potrebbe essere cooptata da democratici neoliberisti o nazionalisti, o potrebbe diventare un punto di riferimento per la rivolta popolare. Quel che accadrà dopo sarà determinato a livello mondiale, poiché lotte come questa si svolgono in sei continenti. Chiediamo a tutti coloro che sono preoccupati per il futuro dell’umanità di approfondire i legami internazionali di solidarietà, scambiare tattiche e risorse e cogliere queste lotte in un contesto globale.

Per un aggiornamento sulle proteste dell’11 agosto, leggete questo . Per il 14 agosto c’è un appello a intraprendere azioni di solidarietà globale a sostegno della rivolta . Abbiamo intervistato i membri del collettivo editoriale anarchico bielorusso Pramen e per assicurarci di ottenere una prospettiva a tutto tondo abbiamo anche cercato risposte da un altro anarchico bielorusso di lunga data che ha parlato a patto di poter rimanere anonimo. Nel seguente scambio di battute, esplorano il background della crisi attuale, descrivono come organizzarsi sotto una dittatura repressiva e riflettono sui potenziali risultati della rivolta.

Un appello per azioni di solidarietà in tutto il mondo il 14 agosto.


Intervista

Dateci una breve visione d’insieme della storia del movimento anarchico contemporaneo in Bielorussia.

Pramen: Come alcuni di voi avranno sentito, in Unione Sovietica il movimento anarchico è stato distrutto. La sua rinascita è avvenuta alla fine dell’epoca sovietica. Negli anni Novanta, gli anarchici hanno svolto ruoli importanti in alcuni movimenti popolari legati all’ecologia, alle lotte sindacali e ad altre questioni. Da allora, gli anarchici si sono organizzati in Bielorussia con svariati alti e bassi. Esistono almeno cinque collettivi anarchici organizzati - la Croce Nera anarchica, Pramen, Food Not Bombs, la biblioteca Volnaya Dumka e l’iniziativa Really Free Market. Tutti loro gestiscono compiti diversi all’interno del movimento - dal lavoro anti-repressione all’organizzazione di azioni sulle strade. Oltre a questi gruppi organizzati, vi sono parecchi blog molto conosciuti che supportano il movimento anarchico. Inoltre, tre anni fa un piccolo gruppo di attivisti ha dato vita a una cooperativa editoriale.

A partire dal 2017 c’è stata parecchia delusione. In quel periodo, le aspettative erano alte poiché la spinta contro Lukashenko stava aumentando. Ma in seguito la rivolta fu schiacciata e tutti tornarono alla normalità. Molti tra quelli che hanno trascorso del tempo in prigione sono usciti devastati; per molti anarchici, la normalità non era possibile, poiché incursioni, detenzione e pressione psicologica continuavano. Alcuni attivisti hanno dovuto lasciare il Paese a causa di problemi con l’apparato statale.

Tuttavia, nonostante la delusione e questi colpi duri, gli anarchici hanno continuato a organizzarsi. Il movimento non è propriamente imponente: in tutto il Paese potrebbero esserci più o meno 100 anarchici organizzati. Aggiungete un altro paio di centinaia di simpatizzanti - in un Paese di 10 milioni di abitanti. Tuttavia, gli eventi del 2017 hanno sferrato un colpo contro i gruppi liberali e i nazionalisti organizzati; non erano forti prima e, in seguito, la maggior parte dei partiti all’opposizione ha cessato ogni attività di strada. Dal 2017, gli anarchici sono molto probabilmente l’unica forza ancora attiva nelle piazze.

Nel nostro collettivo, stavamo facendo un lavoro sui media e sull’agitazione. Altri gruppi stavano organizzando eventi pubblici con un orientamento anti-capitalista e anti-autoritario.

È anche importante ricordare che, in termini di classe, del movimento anarchico bielorusso non fanno parte molti studenti; esso è formato essenzialmente da diverse fasce della classe operaia.

“Belvirus”: gli anarchici hanno affisso manifesti a Minsk con i quali sostengono che Lukashenko sia responsabile della disastrosa diffusione del COVID-19 in Bielorussia.

In che modo gli anarchici hanno continuato a organizzarsi in Bielorussia nonostante la repressione? Avete qualche consiglio per gli anarchici di altre parti del mondo che non hanno ancora sperimentato lo stesso tipo di repressione ma che potrebbero sperimentarla nei prossimi anni?

Pramen: Negli ultimi anni, in Bielorussia, gli anarchici hanno fatto ricorso a molte tattiche interessanti. Innanzitutto, la maggior parte dei collettivi radicali è entrata in clandestinità. Per esempio, a nessuno è permesso sapere chi fa parte del nostro collettivo. La stessa regola esiste in altri gruppi. Organizziamo insieme alcune azioni comuni - le proteste di questo momento, per esempio - ma tutti scendono in piazza come singoli o gruppi di affinità, non in una struttura organizzativa. Ciò rende complicata la cooperazione tra i gruppi ma evita che ci si trovi in una situazione in cui un infiltrato in un gruppo conosca l’infrastruttura dell’intero movimento.

Le azioni di strada degli anarchici hanno un limite di tempo: il massimo che abbiamo prima dell’arrivo della polizia è, di solito, di circa 10-15 minuti.

Lavorare in clandestinità rende difficile includere nuovi elementi all’interno del movimento. Ecco perché alcuni gruppi fungono da punti d’ingresso per gli anarchici - per esempio, tutti possono assistere a un concerto punk e, attraverso quello, conoscere passo dopo passo i modi per entrare a far parte del movimento anarchico organizzato.

Tuttavia, è anche importante ricordare che alcune persone sono uscite dalla clandestinità per diventare personaggi pubblici. Rilasciano interviste, parlano ai media e realizzano video su YouTube su diversi argomenti. Di quando in quando hanno problemi con la Polizia ma sembra che alcune cose possano ancora esser dette. Invocare la rivoluzione potrebbe essere problematico ma fare appello alla democrazia diretta e al decentramento del potere sembra andare bene.

La storicità della Croce Nera anarchica in Bielorussia ha evidenziato un punto importante: si può fare affidamento sui propri compagni non solo quando si compiono azioni dirette o si partecipa a proteste ma anche quando si finisce dietro le sbarre. Questo è un importante fattore psicologico che rende forte il movimento.

Certo, chi si unisce agli anarchici è consapevole della possibilità di repressione sin dal primo momento. Quindi, non si parla solo dei vostri studenti medi che decidono di impegnarsi in politica quando hanno un po’ di tempo. I partecipanti sono consapevoli di poter andare in prigione anche per piccolezze. E si organizza la propria vita di conseguenza:

Qual è la composizione del movimento attorno alle elezioni di agosto in Bielorussia? Quali sono le aspirazioni politiche dei partecipanti? Qual è l’equilibrio di potere tra di loro?

Pramen: Questa tornata elettorale è una merda. Infatti, molti politici dell’opposizione erano contrari al piano principale delle proteste. Chiedevano alla gente di restare a casa e aspettare un momento migliore per sollevarsi. A molti tra i più anziani è stato detto di rimanere a casa e non dar retta alle provocazioni.

Dall’altro lato, il vuoto creato da questa decisione politica si è riempito di blogger, piccoli gruppi e canali Telegram. Pertanto, il processo decisionale si è spostato dai partiti politici al popolo. Quest’estate, il movimento contro Lukashenko è diventato così imponente che gli anarchici rappresentavano solo una piccola parte di tutto quello che stava accadendo.

E ciò che stava succedendo non era collegato a chiare richieste politiche. Non c’erano piattaforme politiche o economiche costruite intorno alle elezioni che chiedevano privatizzazioni o nazionalizzazioni o qualsiasi altra cosa del genere. Invece, il popolo stava organizzandosi contro la dittatura, per abbatterla. Niente di più, niente di meno. E questa semplice pressione ha attirato molte persone. Oggi l’insoddisfazione nei confronti di Lukashenko è più profonda che mai. Attualmente, nel corso di questa protesta, nessun gruppo politico, organizzazione o partito è stato in grado di raggiungere la popolarità.

Quindi, per il momento, la rivolta popolare contro Lukashenko può ancora andare in qualsiasi direzione, in base a chi si trova nelle piazze.

Allo stesso tempo, vale la pena ricordare che su alcune delle principali piattaforme mediatiche ci sono richieste di democrazia diretta. Almeno alcune persone in Bielorussia capiscono che Lukashenko è un dittatore ma la dittatura è una macchina complicata. Se mettessimo questa macchina nelle mani di un altro presidente, lo scenario potrebbe semplicemente ripetersi.

Anonimo: In Bielorussia, la vita politica è stata devastata dagli anni di potere autoritario. I partiti esistenti esistono solamente per il bene di esistere - la gente li conosce a malapena e non si fida di loro. Da qui la classica battuta: se mai dovessi sentirti inutile, ricorda che in Bielorussia c’è un Primo Ministro. Qui, i partiti politici non giocano alcun ruolo. I modelli politici regolari di processo decisionale non funzionano.

Probabilmente, una delle cose che ha unito le persone e le ha aiutate a creare un movimento potente è il carattere quasi apolitico di questa lotta durante le elezioni. La gente vedeva qualcosa di diverso dalla solita pagliacciata. La Tikhonovskaya, la principale rivale di Lukashenko in queste elezioni, è comparsa dal nulla come una casalinga che ha preso il posto del marito imprigionato e il cui unico programma politico era di organizzare elezioni eque sei mesi dopo la sua nomina a presidente. Dopo 26 anni di sopravvivenza in uno “stato assistenziale,” la gente non crede nel socialismo. Dopo la lunga storia sovietica e la continua retorica pro-comunista in TV e nella vita quotidiana, le persone sono scettiche nei confronti del comunismo. Quel che la gente vuole è porre fine agli anni di oppressione, sia ideologica sia economica, ma soprattutto economica. Non è per niente coinvolta politicamente. Sullo sfondo di questi eventi, vi sono alcuni attori politici ma sono quasi invisibili.

Purtroppo, possiamo dire quasi la stessa cosa degli anarchici - a causa del loro numero irrilevante e dell’attenzione rivolta all’interno del movimento, gli anarchici non possono davvero prendere il sopravvento e guidare questa protesta. Anche se non voglio assolutamente sminuire il contributo anarchico - nonostante il numero irrisorio, gli anarchici sono riusciti a influenzare le proteste portando nuovi approcci e nuove tecniche.

Abbiamo sentito che, almeno secondo un giornalista di Belsat TV , gli anarchici hanno svolto un ruolo importante nelle proteste del 9 agosto a Minsk. È vero?

Pramen: Gli anarchici stanno giocando un ruolo abbastanza importante in queste proteste. Vediamo gruppi di affinità organizzati che costruiscono barricate, cercando di convincere gruppi più grandi di persone a muoversi per la città e combattere la polizia dove è necessario.

Ma anche questo è messo in secondo piano dalla creatività mostrata dalla popolazione per le strade. Ciò che chiamiamo gruppi di affinità nel movimento anarchico è qualcosa che esiste naturalmente nella società: gli amici vanno insieme alla protesta e, molto spesso, discutono in anticipo di ciò che dovrebbero fare. Può quindi capitare di vedere sulle barricate molti giovani non affiliati a nessuna corrente politica che combattono contro la polizia. Per quanto riguarda la strategia… L’obiettivo principale è molto semplice: rovesciare il dittatore. Prendendo parte alle proteste e diffondendo le idee di organizzazione orizzontale e decentramento. Anche durante gli scontri, le persone continuano a distribuire volantini ai manifestanti alle spalle della folla. Si pensa che se la gente riuscirà a far cadere Lukashenko senza politici e senza grandi leader, ciò infliggerà un duro colpo alle tendenze autoritarie nel Paese e darà anche un enorme impulso all’auto-organizzazione e alla solidarietà in questa società.

Tutti comprendono che questa rivoluzione non sarà libertaria. Non saremo in grado di abbattere lo Stato. Tuttavia, come anarchici, possiamo provare a rafforzare le nostre idee il più possibile per venirne fuori con più slancio verso la libertà.

Quali sono le varie ipotesi su come potrebbe finire questa resa dei conti tra Lukashenko e i manifestanti?

Pramen: Speriamo solo in una: che Lukashenko sia finito. A seconda del livello di violenza, potrebbe essere ucciso o la gente potrebbe solo rovesciarlo. Oppure potrebbe fuggire: ciò è accaduto alla maggior parte dei suoi amici del blocco orientale che furono rovesciati. Questo è lo scenario per il quale tutti stiamo combattendo.

Ce n’è un altro: Lukashenko rimane. In tal caso, ci sarà una repressione massiccia dopo che le proteste si placheranno. Centinaia di persone saranno perseguite e condannate a molti anni di prigione. L’elenco dei prigionieri politici crescerà molto rapidamente. Gli anarchici faranno di sicuro parte di questo gruppo.

La repressione distruggerà qualsiasi forma di vita politica nel Paese. Tutto ciò che può rappresentare una minaccia per il Governo verrà distrutto. Non è chiaro se il movimento anarchico sopravviverà a questa repressione, poiché la maggior parte dei gruppi vi è in realtà completamente coinvolta.

Il crollo del movimento porterà la società bielorussa verso il declino. Di sicuro, in molti lasceranno il Paese. In assenza di pressioni politiche e sociali, la crisi economica farà diminuire il reddito delle persone e creerà più problemi ai lavoratori.

Ma non vogliamo pensare allo scenario peggiore, perché stiamo combattendo per quello migliore e sappiamo tutti che non c’è modo per tornare indietro.

Un giovane anarchico descrive il suo arresto e la tortura per mano della polizia antisommossa bielorussa.

In che modo la partenza della Tikhanouskaya influenzerà il movimento?

Anonimo: Le persone lottano principalmente per loro stesse, per la propria libertà e per la propria vita. Per alcuni è ancora un presidente in esilio. A qualcuno non è mai importato davvero. Ciò che interessa a tutti in questo momento è il destino di coloro che sono imprigionati e la responsabilità di portare avanti la lotta per chi ha sacrificato la propria vita o la propria salute. Quindi, tutto dipende dall’energia delle persone, credo - dal fatto che siano pronte a continuare la lotta nonostante tutta la violenza e la crudeltà di cui sono vittime ora.

Abbiamo visto che, in questa situazione, la Russia non ha sostenuto appieno Lukashenko. Cosa pensate della strategia di Putin? Quali sarebbero le implicazioni per la Russia e altre zone della regione se i manifestanti costringessero Lukashenko a lasciare il potere?

Pramen: Non è chiaro cosa stia succedendo nella testa di Putin. Potrebbe darsi che stia solo aspettando che Lukashenko s’indebolisca per concludere un accordo che riduca la Bielorussia a una sorta di stato vassallo. Allo stesso tempo, Putin è profondamente contrariato per ciò che sta accadendo in Ucraina e Siria: i piani dei suoi analisti politici non stanno funzionando come si aspettava. Alla fine, nulla gli vieta di far marciare l’esercito russo in Bielorussia e proclamare che questa faccia parte della Russia.

Putin sta giocando con Lukashenko da molto tempo allo scopo di reintegrare la Bielorussia nello Stato russo. Questo non ha mai funzionato, quindi potrebbe essere che quella di non sostenere Lukashenko sia una decisione politica per cercare di affrontare gli eventi in modo intelligente. In questo momento, se Putin sostiene Lukashenko con tutto ciò che ha e Lukashenko perde ancora, la società bielorussa si rivolterà completamente contro Mosca. Quindi, per Putin, questa potrebbe essere una buona tattica mantenere le distanze finché le cose non saranno più chiare.

Anonimo: Putin è stato uno dei primi a congratularsi con Lukashenko per la sua vittoria e a confermare i risultati delle elezioni. Nel suo messaggio, ha chiesto loro di rafforzare la collaborazione tra i due Paesi. Attualmente, la posizione di Lukashenko è molto debole. Con la brutalità usata durante le elezioni, ha perso ogni appoggio e ogni influenza diplomatica sull’Unione Europea. Ora ha bisogno del sostegno del suo fratello maggiore orientale. Questa è una situazione molto favorevole per la Russia. Senza spese aggiuntive, la Russia può espandere la sua influenza sulla Bielorussia. Sembra possibile che Putin farà di tutto per far rimanere Lukashenko al potere, incluso l’invio di forze militari per reprimere le proteste.

Allo stesso tempo, se le proteste costringeranno Lukashenko a lasciare il potere, ci sono troppi fattori da prendere in considerazione per fare delle previsioni. Lo scenario varia dall’intervento militare e dall’invasione al riconoscimento da parte della Russia dell’esistenza di una nuova situazione in Bielorussia senza intervenire.

C’è qualcosa che vorreste dire agli “antimperialisti” dichiarati in Occidente che sostengono Lukashenko?

Pramen: Beh… la risposta potrebbe essere lunga. Per esempio, potremmo spiegare che Lukashenko fa parte del progetto imperialista russo in questa regione. È sostenuto da Mosca per la sua lealtà al Cremlino - e non c’è nulla di “antimperialista” in un presidente che è al potere per volontà dell’impero che detiene il potere nella regione. Crediamo che il tipo di critici da voi descritti amino anche i benefici sociali che lo Stato presumibilmente offrirebbe in Bielorussia. Tuttavia, se fate un paio di ricerche, scoprirete che Lukashenko è, in realtà, colui che ha distrutto i programmi sociali in questo Paese per anni, impedendo alle persone di impegnarsi in qualsiasi tipo di auto-organizzazione. Potremmo continuare a spiegare per ore e ore.

Ma sapete una cosa? La sinistra autoritaria non ha intenzione di sentire repliche. Sono dei credenti. Credono nella loro “verità” allo stesso modo in cui alcune persone credono in una religione. Non importa quante osservazioni valide si possano portare, rimarranno fermi sulle loro posizioni.

Quindi possiamo passare alla risposta breve: “Vaffanculo.” Ma potete ancora leggere cose più costruttive sul nostro sito Web :)

Anonimo: Se Lukashenko potesse, costruirebbe il suo impero. Se poteste capire i suoi discorsi, vi accorgereste che soffre di manie di grandezza - o “soffre” è probabilmente la parola sbagliata, perché gli piacciono. Non vi è nulla di antimperialista in questa figura politica, in nessun modo.

Abbiamo visto alcuni “antimperialisti” affermare che il movimento in Bielorussia è composto da fascisti. Si dice che la bandiera sventolata da molti manifestanti sia associata, per esempio, all’occupazione nazista della nazione.

Anonimo: Il primo utilizzo documentato della bandiera bianco-rosso-bianco (WRW) risale al XIV secolo. Oggi, è usata come simbolo dell’autodeterminazione bielorussa in opposizione alla moderna bandiera di Stato e in opposizione alla Bielorussia di Lukashenko, poiché questi è stato colui che ha ordinato la creazione dell’attuale bandiera ufficiale della Bielorussia.

Capisco da dove nasca la discussione che associa la bandiera ai nazisti. Durante l’occupazione della Bielorussia da parte dei fascisti tedeschi nel corso della Seconda guerra mondiale, vi fu una situazione molto complicata. All’epoca, la Bielorussia era fortemente oppressa dal Governo sovietico, che stava cercando di distruggere l’identità nazionale bielorussa. Per esempio, nel 1933, il Governo sovietico impose una riforma brutale e ingiustificata alla lingua bielorussa, in cui l’alfabeto fu cambiato dal latino (un alfabeto molto simile alla lingua polacca) in cirillico. Molte persone furono vittime della repressione. In queste condizioni, quando l’esercito tedesco si stava avvicinando e il Governo sovietico fuggì in preda al panico, alcuni cercarono di creare un cosiddetto Consiglio Centrale Bielorusso. Erano collaborazionisti, sebbene le loro motivazioni non fossero di sostenere e accogliere i nazisti tedeschi ma di cogliere un’opportunità per creare un’entità sovrana nazionale. Il Consiglio esisteva da meno di due anni. Le persone che oggi usano la bandiera WRW spesso non sono nemmeno a conoscenza di questi eventi storici. La bandiera WRW è una bandiera nazionale che è stata utilizzata nel corso della Storia durante vari periodi di oppressione da molti rivoluzionari e per i bielorussi non ha nulla a che vedere con i nazisti tedeschi.

Traccerei un parallelo con il Kurdistan. Esiste la bandiera dello Stato della Siria e del regime siriano – ed esiste quella del Kurdistan. Allo stesso modo, abbiamo la bandiera statalista di Lukashenko - utilizzata solo durante la sua presidenza e, quindi, la gente evita di usarla, soprattutto nel corso di questa lotta dove tutto ruota intorno alla sua deposizione - e la bandiera nazionale e storica, che è bianca- rossa - bianca.

Di sicuro, alle manifestazioni partecipano persone con una vasta gamma di opinioni politiche diverse. La maggior parte di loro non si definisce affatto politicamente. Quando i minatori scioperano perché non sono d’accordo con il Governo corrotto e con lo sfruttamento in cui sono coinvolti i loro capi, cerchiamo di determinare la loro esatta identità politica di comunisti, anarchici o liberali? Provare a definire questa enorme folla di centinaia di migliaia di persone che hanno dovuto sopportare umiliazioni, sfruttamento e oppressione nell’ultimo quarto di secolo mi sembra ridicolo. Per me, c’è un fascista palese: Lukashenko.

Cosa possono fare gli anarchici di altre parti del mondo per sostenere i compagni in Bielorussia? Esistono strutture concrete per sostenere coloro che ora si trovano a dover affrontare la repressione? Ci sono punti deboli su cui potrebbe concentrarsi la solidarietà internazionale?

Pramen: Intraprendete azioni solidali. Molte azioni solidali. Inviateci le foto delle vostre azioni di solidarietà. Il sostegno dall’esterno non ispira solo i cuori anarchici ma i cuori di tutti coloro che si trovano nelle piazze. Le persone vedono che non sono sole. Dopo aver letto questo testo, preparate uno striscione molto semplice, riunite i vostri amici e scattate una foto. Ci vorranno un paio d’ore al massimo.

Se avete più tempo ed energia, siate creativi. La Bielorussia è uno Stato capitalista. Ci sono molte ambasciate e altri luoghi che rappresentano lo Stato bielorusso. Nel 2010, in Russia, alcuni anarchici coraggiosi occuparono l’ambasciata bielorussa. Questa potrebbe essere una buona idea. Siate creativi e, attraverso la vostra creatività, sapremo che siete sinceri nella vostra solidarietà!

E se siete esperti di tecnologia, iniziate ad aiutarci con i problemi con Internet. Oggigiorno, in Bielorussia, le persone con denaro possono accedere a Internet in modo più semplice rispetto agli attivisti popolari. La VPN gratuita e altre soluzioni non funzionano e abbiamo bisogno di molto aiuto per questo poiché la mancanza di Internet ci impedisce di portare a termine molti sforzi organizzativi.

Anonimo: Sebbene poco realistico, il miglior supporto sarebbe di venire e sostenere partecipando direttamente alle proteste. Abbiamo bisogno di persone coraggiose e decise al nostro fianco. Un altro modo consiste nel condividere esperienze e idee con i nostri manifestanti: abbiamo bisogno della vostra immaginazione e della vostra creatività!

Abbiamo anche bisogno di supporto informativo: in molti sanno poco della Bielorussia e della situazione reale qui. La realtà, la mentalità e il modo di pensare sono diversi nel contesto post-sovietico che qui dà forma alla lotta. Molto spesso, la gente non riesce a capire le differenze tra la vita politica qui e in Occidente.

Ultimo ma non per importanza, potreste organizzare proteste di massa nei vostri Paesi. Siamo tutti collegati. Ciò di cui abbiamo bisogno più bisogno, in ogni momento, è la lotta globale.

Potete sostenerci anche attraverso la Croce Nera anarchica bielorussa.

Potreste fare un elenco dei siti Web e degli account social che le persone dovrebbero seguire per avere notizie affidabili sugli eventi in Bielorussia, soprattutto da una prospettiva anti-autoritaria?

Pramen: Siti Web da seguire:

pramen.io – Collettivo media anarchico

abc-belarus.org - Croce Nera anarchica Bielorussia

Entrambi sono scritti anche in inglese; altri collettivi scrivono solo in russo sui social. Su questi siti Web si possono trovare dei link alla presenza sui social network. Stiamo facendo del nostro meglio per mantenere le persone aggiornate!

Per quanto riguarda i singoli, possono seguire @bad_immigrant su Twitter o su chaos.social Mastodon. Al momento, sta twittando in inglese sulla situazione.

Seguite l’hashtag #belarus sui vostri social network. Copiate i testi russi su deepl e dovreste anche ottenere risultati leggibili.

Fate una donazione ad ABC-Bielorussia perché già oltre 5.000 persone sono state arrestate e nessuno sa quante altre lo saranno presto.

E speriamo che tra un paio di giorni Lukashenko cada e che ci sia una grande festa in cui ricorderemo i nostri morti e celebreremo i vivi!

Ci vediamo sulle barricate, compagni!

Anonimo: In questo momento, ci sono anche molti canali Telegram dove le persone pubblicano video e foto in tempo reale dai luoghi delle proteste quotidiane. Questi non sono spazi anarchici ma possono aiutare a offrire un quadro generale di ciò che, in questo momento, sta accadendo nelle strade:

  • https://t.me/nexta_live

  • https://t.me/belteanews

  • https://t.me/belamova